sabato 30 maggio 2015

Buon compleanno Squinzio



Alle tue paturnie pre compleanno siamo oramai abituate caro mio.

E siamo persino pronte ad affrontare  una tua crisi di mezza età anticipata, evento di cui percepiamo i sintomi ogni volta che ti fermi di fronte ad una vetrina di zainetti in pelle e orologi in plasticaccia.

E accettiamo di buon grado anche questa nuova mania del tennis, che fa il paio con  il fantacalcio e le partite di pallone in tv e il trekking e la bici da città.

Ti abbiamo sostenuto quando hai stabilito che leggere Repubblica su carta stampata era anti-ecologico, dispendioso e amorale e sei passato ad un ipad nuovo di zecca, che ti rende meno vintage, ma comunque deliziosamente hipster.

Apprezziamo che tu abbia a cuore tutte le scadenze dei nostri documenti e la cura con cui cataloghi in faldoni la nostra vita burocratica è quasi romantica.

Va bene che passi la mano tra i capelli tra le 3 e le 18 mila volta al giorno, ché la scienza ancora non si spiega come tu non sia neanche vagamente stempiato (bensì canuto, ma per questo ci piaci ancora di più).

Tolleriamo i caffè che trangugi a ripetizione fino alle 16 e mai oltre, ma benediciamo con somma devozione l'inventore degli antipertensivi.

E non importa se la mattina ti alzi prima dell'alba per rincorrere Rocco che caga nel corridoio, svegliandoti con i suoi effluvi, nell'eterna lotta tra l'uomo e il gatto.

Anche se non sembra, sopportiamo con stoicismo anche la tua sciatica, le coliche renali, i dolori intercostali, la tonsillite cronica, l'eritema, l'influenza, le afte, i raffreddori debilitanti, il reflusso gastro-esofageo, e tutto il resto del Roversi che snoccioli con invidiabile costanza.

Ci piace quando difendi gli indifendibili, sporchi e cattivi, con l'integrità che ti è congenita, come una specie di supereroe in toga (e per fortuna aggiungerei, i miei ormoni non potrebbero mai sopportare la tutina attillata in stile marvel).



Con questi presupposti, i tuoi musi lunghi di fine maggio non ci turbano neanche un po', anche se rimangono un grosso mistero per noi, che invece siamo leggerine e festaiole. Ti perdoniamo tutto, ma proprio tutto, ogni mattina quando porti la colazione a letto a noi tre, pulzelle pigre, meritando il premio papà-marito dell'anno.

Vorremmo sollevarti dalle paure delle ipocondrie, come farebbe Battiato, e invece facciamo quello che sappiamo fare meglio: intonare a cappella il tantiauguriate più smandrappato che la storia ricordi e prometterti di sopportarti per i prossimi 380 anni e oltre.