mercoledì 11 marzo 2015

Tangle Teezer


Cosa hanno in comune una giovane donna con il caschetto bruno, vagamente cotonato,
una piccola cinquenne con gli occhiali rosa capelli lunghi e lisci come spaghetti e la frangia congenita e una treenne bionda coi riccetti, smadrappata e scompigliata?
Facilissimo: l'idiosincrasia per la spazzola. Nella furia delle abluzioni mattutine, il momento arricciaspiccia è più odiato del bagno domenicale, del cotton fiocc e del lavaggio di faccia.
Durante l'allarme pidocchi (che per fortuna ci hanno snobbati con l'eleganza tipica del parassita), abbiamo dovuto sopportare ogni sera lo spulciamento preventivo con il pettinino a denti stretti, piacevole come una vergine di Norimberga. E se Matilde sopporta stoica perché ha imparato che chi bella vuol apparir, perlomeno si deve pettinare, Egle inscena ogni volta pantomine da prefica.
Cionondimeno, le sorelle veleno mica si accontentano della scialba coda di cavallo. No. Loro pretendono perlomeno la doppia treccia carpiata che hanno visto su Pinterest (sì, le ho inIziate a Pinterest, non mi giudicate).
Insomma virtuosismi da coiffeur che mal si sposano con le tragedie che si consumano ogni mattina nel bagno della Maison Cataratta. Per fortuna le ingrate hanno una madre che di professione fa la  problem solver e che si è sciroppata tutte le beauty guru della storia di youtube alla ricerca di una soluzione all'annoso problema. Dopo tanto nulla, ecco che spunta fuori l'idea geniale che sono qui a condividere con voi : la Tangle Teezer.


                                      

Trattasi di uno striglia-cavalli dal design accattivante, piccolo e colorato che promette di districare i nodi senza alcun dolore. Con il mio bagaglio di scetticismo, mi sono fiondata da Sephora, dove mi sono accaparrata l'ultimo pezzo. Appena a casa, ho testato la spazzola sui nodi di 10 giorni di abbrutimento influenzale, sia sulla liscia che sulla riccia, e nemmeno una lacrima fu versata. Per un attimo ho pensato che fosse un gran pacco e che in realtà spostava i nodi, ammacchiandoli impunemente e invece no. I capelli erano lucidi e disciplinati come dopo un Bibbidi Bobbidi Bu. E se è possibile, con i capelli bagnati l'effetto è ancora più stupefacente, perché ne tira via pochissimi e si risparmia un sacco di tempo. E anche con la messa in piega non se l'è cavata male. Dichiaro la tangle il miglior prodotto acquistato questo mese, la adoro così tanto da chiedermi se prima di incontrarla ero davvero felice o era tutta un'illusione dettata dall'ignoranza. La potete acquistare sul web oppure da Sephora, il prezzo si aggira intorno ai 16.50 euro.


Dopo tanto giubilo, è giunta la catarsi. Le sorelle veleno hanno afferrato la vecchia spazzolaccia, ormai ricoperta di disonore, e mimando un inquietante rito tribale hanno gettato senza pietà la stronza nella pattumiera.